A chi conviene negare l’esistenza di una “natura umana”? [n. 9]

          Nona puntata. Nelle prime otto riflessioni (vedi qui la prima puntata, la seconda, la terza, la quarta, la quinta, la sesta, qui la settima e qui l'ottava) abbiamo cominciato a proporre una brevissima analisi storico-filosofica per smontare quell’idea - oggi tanto diffusa - secondo la quale non esisterebbe affatto una specifica ed originale natura umana, ma che al contrario uomini e animali sarebbero sostanzialmente disposti su … Leggi tutto A chi conviene negare l’esistenza di una “natura umana”? [n. 9]

Annunci

A chi conviene negare l’esistenza di una “natura umana”? [n. 5]

    Siamo alla quinta puntata. Nelle prime quattro riflessioni (vedi nei link la prima puntata, la seconda,la terza e la quarta) abbiamo proposto un tentativo di analisi storico-filosofica (brevissima e alla portata di tutti) per smontare quell’idea oggi tanto diffusa secondo la quale non esisterebbe affatto specifica ed originale natura umana, ma che al contrario uomini e … Leggi tutto A chi conviene negare l’esistenza di una “natura umana”? [n. 5]

Tommaso Campanella: il mondo è pieno di Dio

    Alessandro Benigni (Gennaio 1996) Il Libro eterno       Uno dei nodi centrali di tutta la discussione teologico-politica campanelliana è costituito dal rapporto tra Dio e Natura (Mondo). La stessa struttura teoretica del discorso campanelliano è tutta mirata a coordinare la razionalità presente nella Natura alla buona organizzazione della società umana. Per ora, … Leggi tutto Tommaso Campanella: il mondo è pieno di Dio

Giordano Bruno: come nasce l’infinito. Dalla logica dei contrari all’ermetismo radicale

         Alessandro Benigni (Marzo 1994)         Introduzione   «non deve, né vuole pentirsi [...], non sa di che cosa si debba pentire»[1].         Giordano Bruno arriva a Londra nella primavera del 1583. Al termine della sua esperienza inglese, in meno di tre anni, il mago di … Leggi tutto Giordano Bruno: come nasce l’infinito. Dalla logica dei contrari all’ermetismo radicale

Cartesio: la seconda dimostrazione dell’esistenza di Dio

  Puntate precedenti Il genio della modernità: Cartesio Metodo e logica della scoperta: che cos’è la scienza per Cartesio? Cartesio e la scienza metafisica Cartesio: come si passa dal dubbio alla certezza assoluta? La luce della certezza: “Je pense, donc je suis”. Cartesio e la fondazione della conoscenza Cartesio: cosa c’è di certo, oltre l’io-che-pensa? … Leggi tutto Cartesio: la seconda dimostrazione dell’esistenza di Dio

Leibniz: Dio sorregge il mondo

    [dal saggio Confessio naturae contra atheistas, di Gottfried Wilhelm Leibniz]     In questo breve saggio del 1668 Leibniz propone una dimostrazione dell’esistenza di Dio attraverso la ricerca della ragione dei fenomeni fisici che, come spiega, può essere trovata solo in un Ente incorporeo. Nel brano, l’autore della Teodicea, analizzando la forma e il … Leggi tutto Leibniz: Dio sorregge il mondo

Gottfried Wilhelm von Leibniz: “Monadologia”

  * * Come va pensata la realtà più profonda dell'universo? E qual è il rapporto che intercorre tra fisica e metafisica? E in che senso il mondo della fisica è solo un mondo di fenomeni? E' a questi interrogativi che Leibniz dà una risposta nella Monadologia, del 1714: sicuramente la sua opera più celebre, che esprime … Leggi tutto Gottfried Wilhelm von Leibniz: “Monadologia”