E’ uscito il nuovo numero di Contro Corrente: “Un progetto anti-pedagogico”

E’ uscito – su Amazon – il nuovo numero di Contro Corrente, disponibile sia in formato cartaceo (13,50 euro, spedizione gratuita con Amazon Prime) o eBook (3,90 euro, immediatamente scaricabile su tablet, pc e smartphone).  Gli autori di questo numero: di Massimo MaravigliaAlessandro BenigniDominique TavorminaMichele SilviFabio FuianoLorenzo BoccaneraStefano Nembrini e Mauro Ghilardini.

Il ricavato è devoluto alla Famiglia del compianto Mario Palmaro, docente universitario grande levatura, fine uomo di cultura, profondo apologeta cattolico e fervente militante pro-vita. Chiunque voglia fare una donazione, in aggiunta o a prescindere dall’acquisto del testo, può trovare tutte le indicazioni al seguente link (qui).

 

Cattura.JPG

 

 

Dalle pagine del blog di Massimo Maraviglia, che ha coordinato e diretto i vari contributi che compongono il volume:

 

Insegnare non è una tattica. Non si gioca a scacchi. Non si seduce. Non si mente. Ci si fa guidare dalla “cosa”. L’unico interesse è la “cosa” da sapere, da apprendere, da conoscere. Trasmettere umilmente ciò che conta: verità e bellezza. Questo è l’unico compito. Noi dobbiamo semplicemente ripetere ciò che abbiamo capito. Con fatica e ripetendo, tutto faremo nuovo, diverso, più profondo. Non siamo competenti. Chi è competente? Chi sa. Chi sa veramente? Nessuno: il sapere ama nascondersi e si concede in piccolissime porzioni a colui che sa coglierne il valore … e vi tende con dolore e fatica … e anche un pizzico di ironia … e di allegra spensieratezza. Così, da un lato, il compito di insegnare è soggettivamente di una straordinaria e difficilissima bellezza, dall’altro, per sua natura e oggettivamente, non sopporta i paludamenti, gli svilimenti, gli svuotamenti del suo grande tesoro, del patrimonio che ogni insegnante, trasmettendo, vivifica e dunque incrementa.

 Di tutto questo ho discusso con alcuni amici e colleghi e ho trovato che il vissuto di ciascuno di noi si intrecciava in alcuni nodi essenziali: conoscenza prima e al di là di ogni fumosa competenza; tradizione prima che furia dell’innovare e del dileguare; cultura prima che tecnica; sapere prima che fare; teoria prima che prassi benché mai senza prassi; vero prima che utile; etica prima che economia, metafisica prima che etica, teologia prima che metafisica. Da questi punti fermi è venuto lo spunto per una riflessione libera e sinfonica, guidata da un’anima comune ma autonoma nella determinazione degli stili e degli obiettivi. Nasce così un libro che vuole essere antipedagogico non per sfizio ma per obbligo e fedeltà ai compiti dell’insegnamento che l’odierna pedagogia ha falsato … pedagogia delle università … pedagogia da professori dei professori di pedagogia … che dopo essersi replicata di facoltà in facoltà e di cattedra in cattedra, è stata imposta con corso forzoso nella scuola: in quella scuola in cui nessun pedagogista ha mai messo piede.

Competenze, saper fare, co-costruzione dei saperi, cooperative learning, facilitazioni, inclusività, autoeducazione: ecco i nuovi slogan del pedagogicamente corretto che il potere ha fatto propri perché ha bisogno di risultati, di uomini adeguatamente addestrati, di gente che svolge benino il suo lavoro. Noi non solo li critichiamo severamente e con argomenti, ma proponiamo, senza superbia, ma con la forza che viene da una meditata esperienza, l’alternativa di sempre: studio e impegno. Senza moralismi, né ipocrisie, studio e impegno sono l’unica ricetta. Dati questi è dato tutto. E quando l’educazione è buona, c’è spazio per tutto il resto. Creatività, libertà, autonomia, critica … sono il naturale esito dello studio e dell’impegno. La scuola mette i primi, i suoi “abitanti” il resto. Questo libro è l’articolazione di questa semplice evidenza: a scuola si va per studiare; insegnanti e studenti sono coinvolti in questa bellissima e faticosa impresa. Niente medici, niente psicologi, niente ‘relazioni’, niente dialoghi, niente patti, niente accudimenti, niente scartoffie, niente azzeccagarbugli, niente che non passi dalla grande e universale mediazione del compito culturale, che è l’unico compito della scuola.  Semplice … ed evidente!

 


 

Indice del volume (210 pagine):

 

Massimo Maraviglia

Che cosa vuoi imparare? Come vuoi vivere? Scuola ed educazione: alcuni spunti critici

 

Alessandro Benigni

Dimmi come educhi e ti dirò quale mondo stai preparando .
Appendice
Meglio un pilota d’aereo che abbia fatto videogiochi o che abbia letto la Divina Commedia?
Postilla non- conclusiva – Qual è il fine della didattica per competenze?

 

Dominique Tavormina

Considerazioni sull’educazione

 

Michele Silvi

Tra sincerità e libertà. Perché per educare occorre prendersi la colpa ma non la pena

 

Fabio Fuiano

Educare alla vita è educare all’amore

 

Lorenzo Boccanera

1. Le insidie tecnologiche dei Social Network alla coscienza e alla libertà

Minori e Social Network

Gli stati d’animo sono stati perfettamente classificati
Solo in Australia e Nuova Zelanda, o in tutto il mondo?
Le scuse, ma non il rimedio
Per cui, minorenni, alla larga dai Social Network! Lo dice anche il GDPR dell’unione Europea e lo confermerà il Governo Italiano

2. La Microsoft spinge a pubblicare contenuti personali, anche di minori, sul WEB

3. Minorenne bannato per errore da un server Minecraft. O per fortuna!

I possibili pericoli
Consigli finali

4. Parental Control: un affiancamento tecnologico condiviso tra genitori e figli

 

Stefano Nembrini e Mauro Ghilardini
Educazione come introduzione alla realtà totale

 

Massimo Maraviglia

Materiali contro la setta pedagogica: Ricardo Moreno Castillo e Inger Enkvist
Ricardo Moreno Castillo e il Panfleto antipedagogico
L’insegnamento della religione cattolica
La buona e la cattiva educazione
Educazione alla cittadinanza
Inger Enkvist e la setta pedagogica
Conclusioni: una filosofia del senso comune… ma non troppo

 


 

Un ringraziamento speciale a Mauro Mendula per la fotografia e a Mauro Ghilardini per la grafica, il contributo scritto e l’ospitalità nella linea editoriale dei Croce Via.

 

 

 

 

 

 

.