Il “Re dell’aborto”: che ci guadagna il grande magnate della finanza mondiale?

Cattura.JPG

Il “Re dell’aborto“.

Per chi non lo sapesse – citiamo da Wikipedia, il grassetto è nostro -” Warren Edward Buffett (Omaha, 30 agosto 1930) è un imprenditore ed economista statunitense, soprannominato «oracolo di Omaha». È considerato il più grande value investor di sempre. Nel 2008, secondo la rivista Forbes, è stato l’uomo più ricco del mondo, mentre nel 2015, con un patrimonio stimato di 72,7 miliardi di dollari, sarebbe il terzo uomo più ricco del mondo, dopo Bill Gates [Microsoft, ndr] e Jeff Bezos [Amazon, ndr]. Inoltre stimano sia il quarantesimo uomo più ricco di tutti i tempi. Buffett è chiamato “l’oracolo di Omaha” oppure “il mago di Omaha”, per la sua sorprendente abilità negli investimenti finanziari e nel predire guadagni ed eventuali, seppur limitate, perdite. Nel 2017 risulta essere il secondo uomo più ricco del mondo con un patrimonio di 75.6 miliardi di dollari.” (fonte)

E qui viene il bello.

“È anche un notevole filantropo poiché ha promesso di impegnare il 99% del suo patrimonio in cause filantropiche, in particolare tramite la Gates Foundation [fondazione Bill Gates, specializzata nella diffusione di aborto evaccini, ndr]”. (fonte)

Warren Buffet ha investito quasi 2 miliardi di dollari, sufficienti per uccidere quasi 4 milioni di bambini. (fonte)

 

Domanda:

secondo voi, a parte la devozione al Demonio, come mai l’alta finanza investe nell’aborto?

Aborto di chi, poi?

Di schiavi africani o di bianchi occidentali?

Fate due conti.

 

Annunci