Fare i bambini «come i maiali»: con quale diritto?

Nello stesso modo dei maiali.jpg

 

Che cosa succede, quando si fabbricano gli esseri umani «come i maiali»?

La verità è che la natura umana è differente da quella degli altri esseri viventi proprio perché è consapevole della propria dignità, della propria differenza irriducibile. Ed è perfino scontato immaginare che cosa succede quando invece un uomo o una donna vengono ridotti a merce, fabbricati e poi venduti.

Ora la domanda è: fino quando sopporteremo questo crimine contro l’umanità?

 

Nessuno è oggetto di diritto altrui.

Gli esseri umani sono soggetti, non oggetti di diritto.

Non esiste alcun diritto a “farsi fare” un bambino in laboratorio: né per i gay, né per le coppie normali.

 

 

Ecco qui di seguito alcune testimonianze, raccolte da Bill Cordray:

 

Mi hanno creato nello stesso modo in cui allevano i maiali. Tutto quello che so, e che mi è dato sapere riguardo a mio padre, è che si è masturbato per pochi soldi. Sì, sono arrabbiato, perché noi siamo invisibili”.

“Com’è essere concepiti attraverso l’inseminazione di donatori? Gli esperti di infertilità non lo sanno. I sociologi non lo sanno. I politici non lo sanno. Nessuno lo sa perché nessuno ce lo ha mai chiesto”.

Siamo lasciati soli a dare un senso a noi stessi e alla nostra esistenza senza poter ricostruire la nostra catena della filiazione, siamo persi in un orizzonte sconosciuto e ci sentiamo invisibili”.

Lyn Spencer: “Desidero ardentemente sapere chi è il mio padre biologico e incontrarci e parlare con lui almeno una volta. Voglio cercare i miei fratellastri nei volti di altre persone. Avevamo il diritto di conoscere la nostra identità”.

(Fonte)

 

 

Qui di seguito il video con la storia di Millie Fontana, cresciuta da due donne. La sua angoscia nel guardarsi allo specchio e la domanda: “Dov’è l’altra parte di me? Dov’è mio padre?

 

(con traduzione in Italiano)

 

 

 

 

 

 

Annunci