Anselmo: “chi nega l’esistenza di Dio si contraddice”

 

 

41u+NiH4G2L._SX312_BO1,204,203,200_

Qui di seguito il famoso “argomento ontologico” elaborato da Sant’Anselmo per mostrare come l’esistenza di Dio sia logicamente incontrovertibile. Argomento fondamentale non solo perché è stato poi ripreso nella storia della Filosofia (soprattutto da da Cartesio e Leibniz) ma soprattutto perché a dato al più grande logico di tutti i tempi, Kurt Gödel, l’occasione per farne una traduzione in linguaggio logico-matematico e darne quindi una dimostrazione logico-matematica. L’argomento di Anselmo è stato criticato da Tommaso d’Aquino e da Kant per il medesimo motivo: si tratterebbe di un indebito passaggio dal piano del pensiero a quello della realtà. Ma ci sono ottimi argomenti – io credo definitivi se penso a Cartesio e a Berkeley – per accorgersi che l’unica realtà di cui ho certezza assoluta è proprio quella del mio pensiero: questa la posso dimostrare immediatamente (Je pense, donc je suis), mentre quella esterna no. E tra argomentazione e dimostrazione – come si dovrebbe sapere –  esiste una differenza logica insuperabile.

Alessandro Benigni

 

 

+

Y2pLqVk

Kurt Gödel ed Albert Einstein

 

 

 

Necessità di una purificazione interiore e di un forte impegno personale (Proslogion, 1)

Orsú, omuncolo, fuggi per un poco le tue preoccupazioni, sottraiti un poco ai tuoi tumultuosi pensieri. Liberati ora dalle pesanti cure, e lascia da parte le tue laboriose distrazioni. Dedicati un pochino a Dio e riposati in Lui. “Entra nella stanza” del tuo spirito, cacciane fuori tutto all’infuori di Dio e di ciò che ti aiuta a cercarlo, e, “dopo aver chiuso l’uscio”, cerca Lui. Di’ ora, o mio cuore, tutto intero, di’ a Dio: “Io cerco il tuo volto, ricerco il tuo volto, o Signore” (Ps., 26, 8).

+

Credo ut intelligam (Proslogion, 1)

Riconosco, o Signore, e te ne ringrazio, che hai creato in me questa tua immagine, affinché, memore, ti pensi e ti ami. Ma l’immagine è cosí cancellata dall’attrito dei vizi, è cosí offuscata dal fumo dei peccati, che non può fare ciò che dovrebbe, se tu non la rinnovi e la riformi. Non tento, o Signore, di penetrare la tua profondità poiché in nessun modo posso metterle a pari il mio intelletto; ma desidero comprendere in qualche modo la tua verità, che il mio cuore crede ed ama. Non cerco infatti di comprendere per credere, ma credo per comprendere. Poiché credo anche questo: che “se non avrò creduto non potrò comprendere” (Is., 7, 9).

+

La prova ontologica (Proslogion, 2-3)

L’argomento a priori: l’idea di ciò di cui non si può pensare nulla di più grande, presente nella mente dell’uomo, comporta la necessità logica dell’esistenza di un Essere che corrisponda a questa idea.

1) Ora crediamo che tu sia qualche cosa di cui nulla può pensarsi più grande. O che forse non esiste una tale natura, poiché “lo stolto disse in cuor suo: Dio non esiste”? (Ps., 13, 1 e 52, 1). Ma certo, quel medesimo stolto, quando sente ciò che io dico, e cioè la frase “qualcosa di cui nulla può pensarsi più grande”, capisce quello che ode; e ciò che egli capisce è nel suo intelletto, anche se egli non intende che quella cosa esista. Altro infatti è che una cosa sia nell’intelletto, altro intendere che la cosa sia. Infatti, quando il pittore si rappresenta ciò che dovrà dipingere, ha nell’intelletto l’opera sua, ma non intende ancora che esista quell’opera che egli non ha ancor fatto. Quando invece l’ha già dipinta, non solo l’ha nell’intelletto, ma intende che l’opera fatta esiste. Anche lo stolto, dunque, deve convincersi che vi è almeno nell’intelletto una cosa della quale nulla può pensarsi più grande, poiché egli capisce questa frase quando la ode, e tutto ciò che si capisce è nell’intelletto.
2) Ma, certamente, ciò di cui non si può pensare il maggiore non può esistere solo nell’intelletto. Infatti, se esistesse solo nell’intelletto, si potrebbe pensare che esistesse anche nella realtà, e questo sarebbe più grande. Se dunque ciò di cui non si può pensare il maggiore esiste solo nell’intelletto, ciò di cui non si può pensare il maggiore è ciò di cui si può pensare il maggiore. Il che è contraddittorio. Esiste dunque senza dubbio qualche cosa di cui non si può pensare il maggiore e nell’intelletto e nella realtà.
3) E questo ente esiste in modo così vero che non può neppure essere pensato non esistente. Infatti si può pensare che esista qualche cosa che non può essere pensato non esistente; e questo è maggiore di ciò che può essere pensato non esistente. Perciò, se ciò di cui non si può pensare il maggiore può essere pensato non esistente, esso non sarà piú ciò di cui non si può pensare il maggiore, il che è contraddittorio. Dunque ciò di cui non si può pensare il maggiore esiste in modo così vero, che non può neppure essere pensato non esistente.
4) E questo sei tu, o Signore Dio nostro.

 

 

 


(Grande Antologia Filosofica, Marzorati, Milano, 1966, vol. IV, pagg. 691, 693-694)

 

+

+

+

+

+

+

+