Risorse per il dibattito: analisi di studi e ricerche

11028283_10153145330759421_731446303_o.jpg

 

+

I – STUDI SULLA COSIDETTTA ” OMOGENITORIALITA’ “

 

Nota metodologica sui famosi “trent’anni di studi” patrocinati dall’APA etc. :

 

Gran parte degli studi sull’omogenitorialità che supportano la non differenza sono stati condotti da ricercatrici lesbiche legate a organizzazioni LGBT (es National Lesbian Longitudinal Family Study NLLFS). Hanno trovato un metodo infallibile per non trovare differenze e lo replicano in tutte le salse.
1) I campioni sono sempre auto-selezionati, cioè si invitano a partecipare le famiglie allo studio, ma è ovvio che chi ha dei problemi si astiene dall’accettare. Quindi bias per campione non casuale
2) si sceglie un questionario standard per verificare lo stato di benessere psico-emotivo dei bambini (l’SDQ, lo si può trovare facilmente in rete, c’è anche in Italiano)
3) al questionari rispondono i genitori o uno di essi, talvolta gli educatori (insegnati ecc). E’ facile che questi tendano a minimizzare i problemi specie se appartengono ad una minoranza sessuale e ben sapendo quali sono gli scopi della ricerca.
Con un procedimento del genere trovare differenze è quasi impossibile, tutti i genitori intervistati tenderanno a minimizzare le eventuali difficoltà. Inoltre con l’SDQ si possono verificare solo effetti gravi e macroscopici, ma non certo la reale sofferenza del bambino e gli effetti a lungo termine. Ad es con questo sistema è difficile anche trovare differenze fra bambini adottati e nati dai genitori biologici, però sappiamo che i bambini adottati spesso hanno maggiori difficoltà. Nella migliore delle ipotesi possiamo stabilire con questi studi che i bambini si sono adattati, ma non il loro reale stato d’animo e le conseguenze di lungo termine di questa situazione“. [F. Gordon]

+

Andrea Pinato – Enzo Pennetta: “Omo-genitorialità”: sostegno fondato su beceri riferimenti e studi immaginari.

Enzo Pennetta: Adozioni omosessuali: il consenso scientifico poggia su un castello di carte.

Andrea Pinato: Studi sull’omo-genitorialità: guida per i (giustamente) perplessi

Nuovo studio, “Figli di coppie omogenitoriali e outcomes evolutivi“, smentisce la credibilità delle ricerche favorevoli alle adozioni in coppie same-sex – (con studio in pdf da scaricare)

Frank Gordon: Utero in affitto e “adozioni” gay: alcune considerazioni (realmente) scientifiche

Elenco di studi che evidenziano i problemi legati alle adozioni in coppie dello stesso sesso

Problemi emotivi più che doppi per i bambini cresciuti con “genitori” dello stesso sesso

Alla fine, il tanto criticato studio di Regnerus (era e) resta valido

 

 

 

II – CONSIDERAZIONI ED ARGOMENTI BREVI CONTRO NOZZE ED ADOZIONI PER COPPIE SAME SEX – TEORIE GENDER, IDEOLOGIA GENDER E PROBLEMATICHE CONNESSE

 

Psicologi, filosofi e giuristi contro nozze e adozioni omosessuali

I figli delle coppie omogeneri e il dramma (censurato) del «vuoto d’origine»

Appello di 321 giuristi promosso dal Centro Studi Livatino in vista dell’esame del ddl unioni civili

Adozioni in coppie omosessuali: cosa dice realmente la scienza, al di là della disinformazione dei media…

Ricerche sulle adozioni in coppie dello stesso sesso condizionate dall’ideologia

Violenza domestica, violenza su donne: violenza LGBT, più che etero

Adozioni gay? Gli esperti dicono no

Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS): “la famiglia è composta da uomo e donna con figli, e possibilmente con più di un figlio”

Pediatri italiani (SIPPS): «crescita peggiore per “figli” di coppie gay»

I diritti delle unioni civili? Già tutelati

I Pediatri italiani: «crescita armoniosa solo con mamma e papà» 

Altissimo tasso di suicidi tra i gay. Non è colpa dell’omofobia

Ecco perché è giusto opporsi al matrimonio tra persone dello stesso sesso

 Teorie gender? No, grazie. “Donne e uomini sono differenti non solo anatomicamente e per il modo di approcciarsi alla vita, ma anche nell’utilizzo di uno dei più importanti organi del corpo: il cervello”

Gender theory? NO, grazie: donne & uomini, teste diverse (lo dicono pure le neuroscienze)

L’inconsistenza scientifica della teoria del gender

Gli esperti: il genere ha un ruolo determinante nel caratterizzare gli aspetti fisici del corpo, la struttura del cervello, le tendenze comportamentali, nonché la sensibilità e la reazione agli stati di malattia

Identità di genere: pericolosa costruzione intellettuale

L’affidabilità dell’APA

I figli delle coppie omogeneri e il dramma (censurato) del «vuoto d’origine»

Maternità surrogata. Michel Onfray: «Ateo e di sinistra, dico che la maternità surrogata è un crimine»

Ma davvero è solo colpa dell’omofobia? Per una lettura critica del problema dei suicidi nella popolazione omosessuale.

Nuovo studio smaschera i fantomatici “articoli scientifici” sulle adozioni gay

Quanto valgono – in generale – gli “studi” nell’ambito delle scienze umane?

Mamma e papà sono solo concetti antropologici? (Andrea Pinato)

Fabrice Hadjadj: “Se vivo l’amore in opposizione al dato fisico del mio corpo, vivo una situazione schizofrenica”

A cosa servono gli “studi di genere”?

Medici abortisti? Meglio “operatori tanatologici” …

Propaganda Lgbt smentita da 200 studi scientifici

+

+

+

+

+

+

+

Annunci