Devastazione antropologica: l’origine è nella superficialità lessicale

La devastazione antropologica ha una delle sue principali radici ben piantata nel qualunquismo e nell’inadeguatezza concettuale delle masse. Quanti tipo di amore conosciamo? Esiste un solo tipo di amore? Amare un figlio è l’equivalente di amare una moglie? Amare un padre è come amare un fratello? Amare il proprio cane è la stessa cosa che amare un amico? Qual è la differenza tra innamoramento, complicità d’intesa, affetto, amore filiale, amore sponsale, legame erotico, e quant’altro? Senza una rigorosa pre-determinazione concettuale ogni discorso è destinato – nel piccolo o nel grande – a ripetere la filosofia dell’unico, indistinto e volgare minestrone che oggi porta a confondere la famiglia naturale con qualsiasi altro tipo di gruppo o aggregato sociale.
Alessandro Benigni

Annunci